Ricerca della casa ai tempi del Covid: quali sono i nuovi aspetti che considerano gli acquirenti?

Ricerca della casa ai tempi del Covid: quali sono i nuovi aspetti che considerano gli acquirenti?

Il Coronavirus ha sicuramente dato uno scossone a tutti i mercati; tuttavia, per quanto riguarda il settore immobiliare, la tendenza ha visto cambiare priorità ed esigenze, sia da parte di chi era alla ricerca di una prima casa, sia per coloro che stavano pensando a un trasloco.

Il periodo di lockdown ha dato modo alle persone di riscoprire la propria casa, ma anche di rivalutare le scelte fatte in passato. Vivere e lavorare in casa tutti i giorni ha fatto emergere nuove necessità ed esigenze, per cui il mercato immobiliare ha dovuto far fronte a rinnovate richieste.

Quale impatto ha avuto il Coronavirus sulle intenzioni di acquistare o affittare casa? 

Sebbene le chiusure forzate abbiano gettato una certa incertezza sul futuro economico di molte famiglie, allo stesso tempo una parte delle persone che erano in cerca di una nuova abitazione o della prima casa prima dell’inizio della pandemia ha confermato le proprie intenzioni.

Come dicevamo, il lockdown ha fatto emergere in maniera più marcata le contraddizioni e i limiti eventuali legati alle caratteristiche della soluzione abitativa prescelta prima della pandemia.

Coloro che rimandano l’acquisto sono per lo più utenti che non hanno una posizione lavorativa stabile; oppure, al contrario, i compratori più adulti e senza una necessità urgente di acquistare una nuova casa seguono l’andamento del mercato sperando in un ribasso dei prezzi.

Anche per chi è alla ricerca di una casa in affitto valgono le stesse ragioni di coloro che decidono di sospendere l’acquisto.

Chi in questo momento storico decide di non cambiare la propria casa in affitto è perché teme per la propria stabilità economica e ha paura di trovarsi in difficoltà con i pagamenti, come anche chi è in una fase di studio del mercato, attendendo l’occasione giusta. 

I limiti per gli spostamenti hanno generato una flessione nella ricerca di una casa in affitto per le vacanze o per uso investimento.

Come la tecnologia ha cambiato l’approccio alle visite di persona?

Il lockdown ha reso impossibile le visite in presenza. Tuttavia, per far fronte alla stasi del mercato, la tecnologia, con la possibilità di organizzare dei tour virtuali, ha consentito di mantenere vivo l’interesse verso le proposte immobiliari in gestione.

Ovviamente risulta più semplice concretizzare la visita di un appartamento vuoto rispetto a un appartamento abitato, proprio per la paura del contagio. Tuttavia, chi ha avuto la necessità di finalizzare l’acquisto della prima casa ha ripreso subito la fase attiva di ricerca dopo la fine delle restrizioni. 

Le visite di casa online, tuttavia, mantengono un certo credito, in particolare verso i compratori più adulti, per i quali questa risulta essere una funzione ottimale per effettuare una scrematura tra le soluzioni di proprio interesse. La visita online diventa così un mezzo per effettuare una prima selezione per poi passare alla visita in presenza.

Quali sono gli aspetti prioritari nella scelta di una nuova casa?

Il Covid-19 ha fatto emergere nuove esigenze. Il potenziale acquirente è più propenso a richiedere una casa che sia dotata di spazi esterni, in particolare in presenza di bambini, di un familiare disabile, oppure semplicemente per la necessità di avere uno spazio dove all’occasione si possa praticare sport all’aperto.

In tal senso, il giardino diventa il luogo prediletto, a cui segue il terrazzo. L’esposizione e la luminosità sono fattori che hanno inciso particolarmente sui consumi domestici, soprattutto se si considera che molte case si sono trasformate non solo in un luogo di lavoro, ma anche in una scuola. 

Un’altra inadeguatezza spesso riscontrata tra coloro che desideravano cambiare la propria abitazione risiede nell’esigenza di avere una casa più grande, con spazi più idonei al nuovo stile di vita.

L’importanza di avere più di un bagno a disposizione è tra gli aspetti che sono maggiormente considerati dai nuclei familiari numerosi, in cui la convivenza poteva essere messa alla prova proprio dalla presenza di un unico bagno.

Una vista migliore o la presenza del balcone sono altri aspetti considerati, soprattutto per la possibilità di potersi rinfrancare alla vista di un bel panorama.

Se per molti acquirenti la formula preferita è quella del living, che assolve sia alla funzione di soggiorno che a quella di cucina, adesso la tendenza vede la riscoperta di una cucina abitabile la cui utilità viene rivalutata.

Per chi ha la possibilità di intraprendere con continuità un regime di smart working, l’esigenza di una casa con studio rappresenta un plus. 

La maggior permanenza in casa ha acceso uno spotlight anche sulle problematiche relative all’isolamento acustico.

La riscoperta dei piccoli e medi centri darà sicuramente nuovo impulso al mercato di località che consentiranno di vivere una dimensione  più a misura d’uomo.

Scopri le proposte Porta a Porta Immobiliare e non rinunciare al progetto di comprare casa o di trovare una soluzione in affitto perfetta per le tue esigenza.

Condividi su: