Liberi professionisti e studio associato: quali sono i vantaggi e come ridurre i costi

Liberi professionisti e studio associato: quali sono i vantaggi e come ridurre i costi

Essere un libero professionista significa anche gestire dei costi che riguardano i luoghi in cui si svolge l’attività. Per avvocati, geometri, architetti, medici e professionisti della comunicazione, la soluzione può essere rappresentata da uno studio associato, che consente di mitigare i costi e di integrare i servizi.

Vediamo quali sono i vantaggi di uno studio associato, della scelta di un coworking oppure della solitaria carriera del libero professionista.

Studio associato vs coworking: come fare a capire qual è la soluzione giusta?

Quali sono i miei strumenti di lavoro e qual è lo spazio necessario per svolgere la mia professione? Ho il posto giusto per ricevere i clienti? Queste sono le domande che dobbiamo porci quando  si tratta di scegliere la sede della nostra attività.

Anche se in casa abbiamo un’area studio, non è detto che questa sia sufficiente per accogliere documenti e strumenti propedeutici alla professione. Tuttavia è possibile scegliere se effettuare la propria attività prediligendo uno studio associato oppure un coworking.

Uno studio associato consente di ottenere un ambiente idoneo e pensato per la professione che si svolge, quindi con arredamento e distribuzione degli ambienti realizzata ad hoc in base alle esigenze del team di lavoro. Inoltre, l’immobile può essere strutturato anche con un’area per riunioni o per incontri con i clienti.

In più, lo studio associato diventa un vero e proprio contenitore di opportunità. Scegliendo in maniera oculata i propri colleghi, si potranno condividere clienti, creare nuove occasioni di business e assicurarsi maggior stabilità economica.

Il coworking, come è noto, è uno spazio dove più lavoratori affittano delle postazioni a buon mercato, per poter svolgere la propria attività. Tuttavia l’open space e la convivenza con gli altri frequentanti potrebbe non favorire la giusta concentrazione. 

Infine, l’impossibilità di collocare materiali propri all’interno della struttura, lo rende un’opzione di tipo temporanea. Tuttavia, il coworking può essere un luogo dove conoscere professionisti, stringere collaborazioni, per poi magari evolvere il proprio business in uno studio associato.

Come si costituisce uno studio associato?

Lo studio associato può essere costituito attraverso una scrittura privata autenticata o un atto pubblico. Tali documenti raccolgono le generalità dei professionisti e devono essere trasmessi a tutti gli ordini professionali competenti.

Una volta costituito, sarà possibile scegliere un luogo di esercizio i cui costi di affitto o di acquisto saranno suddivisi tra tutti gli associati.

Siete un gruppo di professionisti in cerca di uno studio a Caserta o in provincia? Rivolgetevi a Porta a Porta Immobiliare: abbiamo la soluzione giusta per ogni necessità grazie a un’ampia scelta di immobili a uso ufficio. Contattateci subito.

Condividi su: